giovedì 15 maggio 2014

Il mistero dei depuratori a Monte San Giovanni Campano: sei sono ignoti all'ARPA e uno è scomparso.

Tanti impianti di depurazione a Monte San Giovanni Campano sono figli di n.n. e solo due hanno paternità certa e conosciuti all'ARPA LAZIO. Alla fine la domanda è spontanea: Ma l'Agenzia Regionale Protezione Ambientale del Lazio che compiti ha? La risposta è nel sito dell'Arpa Lazio.
L'ARPA Lazio mediante una struttura centrale e cinque Sezioni provinciali (una per ciascun capoluogo di provincia),
  • fornisce supporto tecnico-scientifico in campo ambientale alla Regione, alle Province, ai Comuni, alle Comunità Montane, agli enti gestori delle aree naturali protette e alle ASL; assicura il supportocontrollo delle matrici ambientali supporto (aria, acqua, suolo);
  • effettua attività di monitoraggio e vigilanza in relazione a:
  • effettua i controlli sugli impianti soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale, dopo aver rilasciato il parere sul Piano di Monitoraggio e Controllo;
  • effettua i controlli e le verifiche di impianti e attrezzature a pressione, impianti termici, impianti elettrici e di messa a terra, ascensori e montacarichi, idroestrattori e apparecchi di sollevamento;
  • fornisce supporto alle attività dell'Autorità Giudiziaria;
  • assicura, mediante laboratori attrezzati per il controllo su alimenti, bevande, pesticidi, prodotti cosmetici, il supporto alle ASL, agli organi giudiziari e alle forze dell'ordine;
  • supporta e realizza programmi e progetti per lo sviluppo sostenibile;
  • assicura la disponibilità di informazioni ambientali.

Dopo aver letto attentamente che L'ARPA Lazio è l'ufficio che controlla la qualità delle acque c'è l'ulteriore domanda legittima: Come cavolo fa l'ARPA a controllare i depuratori a Monte San Giovanni Campano se nessuno gli ha segnalato l'esistenza di altri depuratori che superano il numero di 8? A noi mortali che paghiamo la depurazione delle acque non è permesso sapere neppure quale sia il numero esatto di depuratori presenti sul territorio in quanto l'Amministrazione Comunale  non ha risposto a tale domanda nel più rigido protocollo imposto dal "SEGRETO COMUNALE". L'ARPA Lazio appartenente alla Repubblica Italiana ha risposto chiaramente con la nota di seguito allegata confermando la conoscenza e i controlli esclusivi su due (2) depuratori e precisamente quelli di Porrino e Fontana Magna. 



Perchè sono stati nascosti almeno 6 (sei) depuratori all'ARPA LAZIO?

Gli altri depuratori presenti sul territorio di Monte San Giovanni Campano dovrebbero essere controllati direttamente da ACEA  (autocontrollo) che è anche quella che incassa la depurazione dalla bolletta di fornitura idrica e a questo punto le domande sono legittime: Può mai dire ACEA che qualcosa non va rinunciando volontariamente ad incassare il tributo per la depurazione?  Perchè una questione così delicata è legata al profitto di un'azienda?Chi è che controlla i controllori se i depuratori presenti sono perfetti sconosciuti? 
Non si può calare poi un velo pietoso sul depuratore intercomunale "smarrito" e già finanziato per intero dalla Regione Lazio; lo smarrimento oltre a coinvolgere ben 4 Comuni, l'Acea e la Provincia di Frosinone è avvenuto sotto il naso delle Magnifiche Associazioni Ambientaliste di Monte San Giovanni Campano che non perdono occasione di scrivere articoli sull'attenzione che pongono al nostro territorio. ...Ognuno sa sè...

Nessun commento:

Posta un commento