lunedì 21 luglio 2014

Un capolavoro politico! I Monticiani pagheranno gli investimenti che verranno fatti in altri Comuni.

Bisogna essere MODERATI perchè è con la moderazione che si pagheranno gli investimenti che si faranno in altri Comuni. 




Che è successo  all’assemblea dei sindaci dell’ATO5 che si è svolta  a Frosinone? Ma che cavolo ha votato il sindaco di Monte San Giovanni Campano?
Sostanzialmente 31 Magnifici Sindaci , compreso il nostro, hanno fatto sì che si approvasse la proposta di 62 milioni di € di investimenti da realizzare per il triennio 2014-2017.
In pratica in 2 anni e mezzo l’ACEA dovrebbe realizzare opere e compiere investimenti per il miglioramento delle reti idriche e fognarie nonché intervenire sul comparto depurazione come mai si è visto in 10 anni di gestione. La cosa ha dell’incredibile visto che dei circa 195 milioni di euro che l’ACEA avrebbe dovuto investire in ciociaria dal 2004 ad oggi in pratica se ne sono perse le tracce e sicuramente staranno nello stesso cassetto dove c'è il nostro depuratore intercomunale smarrito.
I toni trionfalistici del Commissario della Provincia (non eletto da nessuno) all’indomani di questa decisione sono veramente fuori luogo visto che gli aumenti li pagheranno i Cittadini.
Cosa è cambiato e cosa dovrebbe cambiare?
Nulla dal punto di vista dei servizi, tanto sul piano delle vessazioni agli utenti assoggettati a incrementi tariffari abnormi. E' utile dire, anche se non se ne parla che nella stessa assemblea sono stati proposti aumenti tariffari sostanziali per il 2014-2015. Così facendo in quatto anni la tariffa è stata semplicemente raddoppiata passando da 0,94€/mc del 2011 a circa 1,89€/mc per il 2015.
Il tutto è frutto dell’approssimazione con cui gran parte dei Sindaci decidono cose così rilevanti senza un minimo di erudizione del problema.
Parlando degli investimenti sul nostro territorio se si faranno e quando si faranno :
Nessuna risposta se non vaghe affermazioni, inevitabilmente confutate dai fatti.
E' stato enfatizzato l’incessante lavoro prodotto dalla STO per arrivare alla definizione di questi investimenti. In realtà il tutto è frutto della proposta, di piano d’ambito, redatta dalla stessa ACEA e praticamente accettata in toto sia in termini di elenco di opere che di quantizzazione finanziaria.
In pratica si è concesso all’appaltatore di diventare Ente appaltante e decidere per se a piacimento.
La cosa più anacronistica di tutte però si è verificata in Assemblea quando è passato un emendamento che sconfessa clamorosamente la tanto sbandierata “pianificazione tecnica” delle opere previste nel piano. Gli investimenti verranno suddivisi a pioggia in base al numero di abitanti e all’estensione delle reti e quindi le città più grandicelle di Monte San Giovanni Campano troveranno il beneficio dei soldi che i Monticiani verseranno in bolletta come dire che  faremo gli "asini da soma" per virtuosismo politico tanto per mandare un pò di soldini ai Comuni più popolosi come sempre. Del resto l’emendamento è stato proposto dai Sindaci  dei comuni, che a parte Cassino, sono i più popolati della provincia cioè a dire Frosinone ed Alatri. C’era da aspettarselo visto “il clima di larghe intese” che assimila le aree politiche cui i  Sindaci  appartengono.
Ecco il capolavoro che ha votato il nostro Sindaco di Monte San Giovanni Campano ma vi assicuro che lo ha fatto con tanta moderazione che verrà ricordata prestissimo sulle bollette.



Nessun commento:

Posta un commento