sabato 28 febbraio 2015

In caso di SISMA i Monticiani che debbono fare? Tutti in salumeria.

Dopo più di un anno di CONVEGNI , di  promesse e una marea di articoli sui giornali sul Piano di Emergenza Comunale arriva anche l'avviso! La terra trema ma per fortuna l'evento sismico non ha fatto danni a Monte San Giovanni Campano.
In caso di sisma i Monticiani che debbono fare?
NON E' DATO SAPERLO perchè così ha deciso il COMUNE.
La Regione Lazio ha fornito addirittura i prestampati per realizzare il Piano di Protezione Civile (lo chiamano così il piano di emergenza Comunale) ma da queste parti pur spendendo una marea di denaro per la connettività hanno problemi serissimi con il COMPUTER che è deviato nella sua essenza interiore perchè per le tasse funziona perfettamente ma quando si tratta di fare qualcosa per la Cittadinanza, come in questo caso,  non riesce a connettersi al sito della Regione Lazio Piano di Protezione Civile
dove è pubblicato tutto il necessario per compilare quella cosa strana che appunto è il Piano di Protezione Civile.
Una cosa grossa!


I magnifici politici dopo una serie infinita di chiacchiere avevano fatto la loro promessa da marinai e nello specifico avevano dichiarato che sarebbe stato redatto per Dicembre ma evidentemente non hanno specificato l'anno e la gente era rimasta convinta che si trattasse del 2014.
Neppure una via di fuga sicura per i due CENTRI STORICI (Capoluogo e Colli), nessuna indicazione per il concentramento delle persone, nessun numero di telefono da chiamare se non quelli Nazionali o quello Regionale di Emergenza Pubblica e neppure il NOME di un referente Comunale da chiamare in caso di necessità.
Nulla è stato predisposto per eventuali fughe di GAS METANO e basti pensare che la pubblica illuminazione del Capoluogo è spesso riattaccata da comuni Cittadini in caso di pioggia ed è tutto detto.
Gli anziani che rappresentano una buona parte della popolazione tanto debbono morire e quindi per loro NON è prevista nessuna indicazione. I malati? Quali malati? Stanno tutti bene i Monticiani e le basse insinuazioni che dichiarano la presenza di persone malate croniche o con infermità invalidante sono prive di fondamento tanto è vero che il Comune si è dotato dell'Ufficio dei Servizi Sociali con le barriere architettoniche per l'accesso e per fare meglio in questi uffici NON ha previsto neppure i bagni per le persone che hanno "problemi". La ASL ha fatto altrettanto e per provare che non c'è necessità alcuna ha posto gli Uffici del CUP, la Guardia Medica e il Consultorio ai piani alti di un edificio con barriere architettoniche insormontabili e per finire siccome stanno tutti bene al Comune non si entra perchè l'ascensore NON funziona da tempo memorabile. In tutto questo marasma però gli anziani possono dormire tranquilli perchè il loro investimento di sicuro è in salvo in quanto i LOCULI ai DUE CIMITERI sono costruiti in CEMENTO ARMATO e manco un'esplosione nucleare può far danno.
Quindi cari Monticiani non resta altro da fare in caso di terremoto che chiedere aiuto al SALUMIERE perchè di sicuro si sarà organizzato  per mettere in salvo i suoi preziosi prosciutti.
In caso di sisma quindi TUTTI dal salumiere!




Nessun commento:

Posta un commento