domenica 9 ottobre 2016

MSGC - I NEMICI DI S. FRANCESCO E LA PECORA "MORTACCINA"

Ogni 4 ottobre si celebra la Festa di San Francesco d'Assisi, patrono d'Italia , 'fratello' degli animali e patrono di tutti gli ecologisti. Nel nostro Comune il Santo poverello si festeggia dopo il 4 Ottobre forse per non incappare nelle manifestazioni ecologiste che porterebbero tanti Monticiani di fronte a se stessi visto il degrado Ambientale che ci circonda e che peggiora di anno in anno. Tornando agli "animali veri" c'è un controsenso spettacolare che si evidenzia con la cottura della carne di pecora durante la festa al Santo fratello degli animali che fece del loro rispetto un esempio di vita tanto che scrisse il Cantico delle creature. Prima di andare avanti però c'è da definire la "pecora mortaccina" che viene servita durante le sagre e in questa ricorrenza che poco ha di religioso. In buona sostanza i pastori vendono esclusivamente le pecore che non servono più per la produzione di latte e agnelli perchè ampiamente sfruttate e considerate in fine carriera. Quali sono le pecore che vengono vendute? Sono pecore considerate mortaccine (prossime alla morte) che risultano affette da malattie croniche, macellate d'urgenza per un arto fratturato, dilaniate da un parto distocico, pecore mastitiche...insomma la schifezza della schifezza procurata dall'uomo per l'eccesivo sfruttamento a quello che prima era un animale florido. Siccome sono ottimista di natura penso che la carne di pecora che viene servita dalle parti nostre sia carne proveniente da animali in ottima forma che hanno deciso di suicidarsi per creare l'alibi perfetto ai nemici del Santo. Ma chi sono i nemici del Santo? Guardatevi intorno perchè mai come in questa occasione tutti quelli che mangiano e cucinano sorella pecora mortaccina sono nemici del Santo poverello. Almeno a Lui non è passato mai per la mente di uccidere un animale per festeggiare un esempio su come dovrebbero essere rispettati gli animali, la Natura e la vita sotto ogni forma. Ah! per ultimo sono nemici del Santo tutti i partecipanti che continuano a costruire abusivamente; quelli che li fanno costruire abusivamente, quelli che cementificano senza ritegno la Natura, quelli che fanno finta di niente di fronte all'inquinamento procurato dai nostri depuratori, quelli che usano i poveri per il proprio tornaconto procurandogli la perdita della dignità, quelli che seppeliscono i rifiuti, quell che abbandonano i rifiuti, quelli che fanno finta di non capire cosa sia il rispetto per la Natura, quelli che fanno fuoristrada non autorizzato, quelli che cacciano gli animali per il puro gusto di ucciderli, quelli che coltivano la terra inquinandola con sostanze chimiche, quelli che disperdono i diserbanti, quelli che cercano tartufi, funghi e aspargi distruggendo tutto e non vengono esclusi quelli che tagliano gli alberi secolari per farne legna da vendere. In tutto questo Buona festa a tutti gli Ecologisti che sono gli unici amici di San Francesco che di sicuro non mangeranno la pecora il giorno della Sua festa ... gli altri? Sono amici falsi che cercano solo opportunismo e visibilità durante i festeggiamenti e sono nemici di San Francesco soprattutto perchè non si pentono e non cambiano il loro becero stile di vita.


Esempio di pecora "mortaccina". Animale in scadente stato di nutrizone e produttività per eccessivo sfruttamento da parte dell'uomo.

Nessun commento:

Posta un commento