sabato 3 gennaio 2015

Auto elettriche 2015



Nuove auto elettriche 2015: prezzi, incentivi e modelli

Nuove auto elettriche 2015
  • Nuove auto elettriche 2015 - BMW i3
  • Nuove auto elettriche 2015 - BMW i3 coda
  • Nuove auto elettriche 2015 - BMW i3 fiancata
  • Nuove auto elettriche 2015 - BMW i3 interni
  • Nuove auto elettriche 2015 - BMW i8 coda
Cerchiamo di fare il punto sulle nuove auto elettriche 2015, parlando sia dei modelli che sono già attualmente disponibili sul mercato sia di quelli che arriveranno nei prossimi mesi. Complice soprattutto il prezzo ormai raggiunto dai combustibili fossili tradizionali, le soluzioni di mobilità a basso impatto ambientale stanno diventando sempre più appetibili. E questo nonostante il costo iniziale importante, certamente superiore rispetto alle vetture con motore a scoppio. Molte sono le case automobilistiche che stanno dimostrando di scommettere su questo tipo di mezzi di trasporto, investendo molte delle loro risorse nello sviluppo di nuovi modelli sempre più efficienti e possibilmente con un listino prezzi sempre più accessibile.
Auto elettriche 2015: incentivi
All’interno del Decreto Sviluppo sono state inserite anche alcune norme riguardanti le auto elettriche. Tutto è cominciato nel 2013, con un bonus massimo di 5.000 euro, che purtroppo viene ridotto a 3.800 euro dal 2015. Questa agevolazione sarà valida unicamente rottamando la vecchia auto per l’acquisto di una vettura ecologica, elettrica o ibrida, con emissioni inferiori a 50g/km di CO2. La cifra totale stanziata per favorire la mobilità sostenibile ammonta a 420 milioni di euro, probabilmente non molti per ottenere risultati su larga scala, ma comunque potrà essere un’opportunità interessante. Sempre all’interno del Decreto è stato anche inserito un piano per la realizzazione di una rete di infrastrutture adeguate per la ricarica, con tariffe elettriche vantaggiose.
Tipologie
Negli ultimi anni si sta assitendo ad una rivoluzione che, anche se lentamente, potrebbe cambiare il mondo dell’automobile. Ormai quasi ogni casa automobilistica ha a listino almeno una versione ibrida per alcuni dei propri modelli. Sulle ibride in pratica sono presenti uno o più motori elettrici, abbinati ad un propulsore termico tradizionale, che lavorano insieme. La soluzione consente di ridurre enormemente i consumi di carburanti fossili, ma il motore a scoppio resta comunque fondamentale nel trasferimento di coppia motrice alle ruote. Le vetture elettriche invece possono essere divise in due grandi categorie: quelle elettriche “pure” e quelle con range-extender. Le prime non bruciano nessun tipo di carburante fossile e si affidano unicamente all’energia elettrica. Le elettriche con range-extender, come la Opel Ampera, hanno anche un piccolo motore tradizionale che viene sfruttato come generatore per ricaricare le batterie quando è necessario, aumentando in tal modo l’autonomia. A differenza delle auto ibride, però, il motore termico resta completamente scollegato dalle ruote, e non esercita alcuna funzione nel trasferimento di coppia motrice.
BMW i8
Bmw i8
  • Bmw i8
  • anteriore della i8
  • fiancata dell'elettrica tedesca
  • La nuova BMW al Salone di Francoforte 2013
Le novità
Sono già abbastanza numerosi, almeno rispetto a qualche anno fa, i modelli di auto elettriche già disponibili per l’acquisto. Nel corso del 2015 arriveranno comunque ulteriori proposte, con novità sul mercato interessanti. Tra le più attese ci sono le Volkswagen e-Golf ed e-Up!, ma anche la Toyota FCV. Interessante è anche la proposta coreana della Kia Soul EV, mentre non è da escludere l’arrivo di una versione elettrica dell’Audi A3.
Volkswagen e-Golf
Volkswagen e-Golf
  • Volkswagen e-Golf muso
  • Volkswagen e-Golf fase di ricarica
  • Volkswagen e-Golf coda
  • Volkswagen e-Golf
  • Posteriore
Elenco dei modelli in vendita
Parlando invece delle auto elettriche in vendita ricordiamo la Opel Ampera che, insieme alla sua gemella americana Chevrolet Volt, sono state nominate Auto dell’Anno 2012. Sempre dall’America c’è anche la Ford Focus Electric. Ci sono poi 3 vetture frutto di accordi tra altrettante case automobilistiche: la Citroen C-Zero, la Mitsubishi iMiev e la Peugeot iOn. C’è anche la Smart Electric Drive, piccola vettura esclusivamente elettrica con prestazioni interessanti. Impossibile poi non citare anche la Nissan Leaf, lanciata già dalla fine del 2010, riconosciuta Auto dell’Anno 2011 e che ha ottenuto buoni risultati in USA e in Giappone. Proprio partendo dall’esperienza di Nissan c’è anche la Renault Fluence Z.E.. Sempre della casa della Losanga ci sono anche le piccole Twizy e ZOE.
Degne di nota sono anche le BMW i3, la piccola monovolume, e la supercar i8, su cui la casa tedesca ha investito molte attenzioni. Sempre parlando di altissime prestazioni, non possiamo non parlare della Mercedes SLS AMG Electric Drive.
Per chi cerca un mezzo commerciale, tenga presente sia il Nissan e-NV200 che il Renault Kangoo EV.
Mercedes SLS AMG Electric Drive
Mercedes SLS Amg Electric Drive a Parigi 2012
  • Mercedes SLS Amg Electric Drive, Salone di Parigi 2012 (3)
  • Mercedes SLS Amg Electric Drive, Salone di Parigi 2012 (2)
  • Mercedes SLS Amg Electric Drive, Salone di Parigi 2012 (4)
  • Mercedes SLS Amg Electric Drive, Salone di Parigi 2012 (5)
  • Mercedes SLS Amg Electric Drive, Salone di Parigi 2012 (6)
I prezzi
Il prezzo delle auto elettriche in commercio resta decisamente superiore a quello di vetture tradizionali di dimensioni analoghe. Questo per via dei costi di sviluppo, decisamente alti, non bilanciati da volumi di vendita adeguati. A tal proposito risulta particolarmente interessante l’idea di fornire le batterie in comodato d’uso, richiedendo il pagamento di una quota mensile variabile da un modello all’altro. Tra le auto elettriche economiche c’è proprio la nuova Smart Electric Drive che sarà venduta a 14.750 euro in Gran Bretagna, a cui saranno da aggiungere 66 euro mensili per le batterie. Per vetture di dimensioni maggiori, come la Nissan Leaf o la Renault Fluence, si oscilla tra i 28.750 euro (per la versione base della berlina francese) e i 36.909 euro (la giapponese in versione full optional), con o senza le batterie in comodato d’uso. Per la range-extender Opel Ampera occorre invece staccare un assegno ben più consistente, pari a 40.220 euro.
Nissan Leaf
Nissan Leaf 2013 al Salone di Ginevra
  • Nissan Leaf 2013 al Salone di Ginevra
  • Al Salone di Ginevra 2013
  • colore Bianco pastello
  • Nissan Leaf 2013 Cerchi in lega bicolore
  • Fiancata della vettura
Costi di gestione
In media si stima che una ricarica completa della batteria di un’auto elettrica possa costare dai 3 ai 4€. Considerando che l’autonomia media delle vetture elettriche è intorno ai 150 km, con 1€ è possibile percorrere almeno 37km: un risultato ben al di sopra delle possibilità della più parsimoniosa auto tradizionale. Si stima anche che i costi di manutenzione siano notevolmente ridotti, dato che le auto elettriche sono meccanicamente più semplici e non hanno bisogno di cinghie, candele, lubrificanti e filtri. Fonte: allaguida

1 commento: