lunedì 1 dicembre 2014

La Provincia di Frosinone è la più brava tra gli asini

Politica e politici BOCCIATI in provincia di Frosinone dove la qualità della vita scende di posizioni nella speciale classiffica redatta dal Sole 24 Ore. Praticamente sono pochissime le provincie (si scrive così perchè è scritto così sulla Costituzione Italiana) che seguono la Provincia di Frosinone relegata all'89° posto.



 Quindi la nostra Provincia in classiffica non riesce a comparire come la più asina tra le provincie virtuose mentre è indiscutibile la sua presenza tra le Provincie più brave tra quelle più asine.
 Il 4° potere questa volta ha fallito e il buonismo che si trova sui mass media non ha procurato nessun giovamento ad una situazione che definire catastrofica è poco. La nostra Provincia al pari di quelle dove si vive l'infiltrazione mafiosa, camorristica e di altre associazioni malavitose fa' sopravvivere i Cittadini in una situazione di degrado paragonabile al terzo mondo.
E' stato scritto più Africa che Europa e come non mandare torto a chi ha avuto una constatazione così legittima difronte ad un sistema che pretende tasse e tributi sempre più onerosi e non da' nulla in cambio e che invece di migliorare la situazione la peggiora.
In tanti si domanderanno su che basi è calcolata la qualità della vita:
Il termine qualità di vita (o favorevoli condizioni di vita) indica il benessere di uno o più individui, non necessariamente della stessa specie, di un habitat, ambiente di lavoro, una comunità, città o nazione. Si tratta di un argomento trasversale e multidisciplinare che interessa ad una varietà di individui di specie diverse e comprende aspetti studiati in varie discipline della conoscenza umana quali filosofia, economia, scienze politiche, urbanistica, sociologia, biologia, biologia marina, agronomia, medicina, fisica, chimica, pedagogia,psicologia, ecologia, ingegneria, paesaggistica, matematica e l'informatica ecc.
Quando un ambiente qualsiasi , città  o Provincia come in questo caso ha una buona qualità di vita, significa che la maggioranza della sua popolazione può fruire di una serie di vantaggi politici, economici e sociali che le permettono di sviluppare con discreta facilità le proprie potenzialità umane e condurre una vita relativamente serena e soddisfatta.
Nell'ambiente urbano e nelle città la qualità della vita si misura per mezzo di numerosi indicatori economici e sociali. Gli indici economici sono abbastanza facilmente misurabili. Invece, gli indicatori sociali, quali ad esempio la sicurezza dal crimine, la sperequazione sociale, la libertà politica, la salute fisica, l'accesso all'istruzione, l'inquinamento e altri simili sono più difficili ma non impossibili da calcolare."

Nessun commento:

Posta un commento