domenica 16 novembre 2014

Monte San Giovanni Campano non è un paese per "malati".

Oramai a Monte San Giovanni Campano è diventata una consuetudine non essere rappresentati nelle grandi decisioni  per la Provincia di Frosinone che hanno visto coinvolti i sindaci  o meglio ancora quando i cittadini sono rappresentati si rendono conto che le decisioni votate rappresentano solo sofferenze economiche presenti e future. Monte San Giovanni Campano oltre ad essere il paese dove la gente "sopravvive" in modalità "Orfani di sindaco" potrebbe fare benissimo a meno dell'Ente Provincia e persino della Regione Lazio tanto non c'è nessun aiuto reale e tangibile per la popolazione e tanto meno viene richiesto. Infine i Cittadini potrebbero fare a meno anche del sindaco che quando li deve rappresentare nelle sedi Istituzionali trova di meglio da fare e risulta  assente. Dopo il problema dell'acqua dove dopo le lunghe ASSENZE nell'unica riunione fattiva il nostro sindaco  ha votato un provvedimento funesto per la gente. Dopo le scuse infantili e i manifesti propaganditici gli è piombato addosso il problema SANITA' con tanto di show iniziale per la restituzione della fascia tricolore in caso di chiusura dell'ospedale di Sora. Quando poi avrebbe dovuto riportare nell'assemblea dei sindaci le doglianze della popolazione egli ha fatto di meglio disertando il voto.

Evidenziata in giallo l'assenza del sindaco di Monte San Giovanni Campano all'Assemblea dei Sindaci.
L'assemblea dei sindaci in pratica ha votato l'atto aziendale per la ristrutturazione della Sanità in provincia di Frosinone favorendo alla fine le decisioni prese e favorendo come al solito Cassino e Frosinone ma questa volta il voto, forse gli sarà sfuggito al sindaco affaccendato in altre faccende, di Monte San Giovanni Campano aveva lo stesso valore degli altri comuni e quindi la presenza del sindaco all'assemblea poteva rappresentare una opportunità. La questione nel merito della futura sanità oramai è cosa passata  ma resta il FATTO GRAVISSIMO  che i cittadini di Monte San Giovanni Campano NON siano rappresentati nelle Istituzioni che contano neppure per DELEGA. Certo è che il sindaco avrebbe potuto delegare un sostituto in sua ASSENZA ma non lo ha fatto per motivi che di sicuro verranno giustificati con scuse infantili o con roboanti manifesti pubblicitari  stampati e affissi con i sodi di tutti. Questa "tarantella" ha fatto uscire allo scoperto persino l'Avv, Carlo Coratti che è consigliere comunale moderato con un comunicato stampa a dir poco RIVOLUZIONARIO dove incita la popolazione a riappropriarsi della sovranità tramite la protesta.





  Di sicuro come hanno fatto in altre occasioni le "associazioni filo maggioranza" daranno la colpa dell'assenza del sindaco alle riunioni alla vecchia maggioranza rea  di averlo indotto a non partecipare secondo uno schema studiato e oramai consolidato in quella vecchia politica retriva che è madre e figlia  dall'associazionismo camaleontico che funesta questa terra  che è sempre presente con sistematici appoggi ai politicanti e che NON protesterà mai in favore dei CITTADINI.

Per finire un pò di umorismo che non fa' mai malein questa situazione Fantozziana.



Nessun commento:

Posta un commento